La vacanza in barca a vela

da | Mar 10, 2021 | Racconti di mare | 0 commenti

di Checco Tornielli –

Vivere il mare..se non hai mai vissuto un periodo a bordo di una barca a vela non puoi immaginare cosa ti aspetta!

Essere un equipaggio è una scuola di vita, un’esperienza essenziale. Ogni barca è un pianeta a se, un microcosmo autonomo itinerante alla continua ricerca nel coniugare le esigenze dell’equipaggio con i ritmi della natura. “Il mare comanda isso”!! La luce al risveglio e la notte che inizia a calare sono il ritmo che cadenza lo stare a bordo. Il vento e lo stato del mare sono la nostra guida per sapere quali posti visitare e per scegliere il momento migliore. Si raggiunge cosi’ il “mood”, il lasciarsi trasportare in questo o in quel posto a seconda degli elementi, giocando d’anticipo per prevenire meteo avverso o anche solo scegliere se rimanere o cambiare isola in base al gradimento. Sono queste le opportunità che caratterizzano il viaggio in barca; libertà lontane dagli schemi ai quali siamo abituati, soprattutto in città.

La barca va comunque vissuta diversamente in base alle aspettative, all’indole e alle esigenze  dell’equipaggio: famiglie con prole, coppie, “single” e comitive di amici o lupi solitari “misantropi”. Tutti possono trovare nella crociera in barca i momenti emozionanti e memorabili che realizzano la “vacanza perfetta”.

La meta giusta va trovata scegliendo una rotta anziché un’altra e gli itinerari verranno scelti alla ricerca di coste o  isole più’ o meno frequentate e attrezzate turisticamente.                       Il Mediterraneo conserva ancora  luoghi quasi incontaminati; di contro isole come Ibiza, Formentera, Panarea o Mikonos sono capitali del turismo “Nightlife” internazionale.

L’elemento essenziale per godere di tutto questo in un senso o nell’altro è la barca che avete sotto ai piedi. Un  “entità autonoma” dotata di una serie di apparecchiature complesse: gli impianti elettrici, idraulici, meccanici e velici che vanno costantemente tenuti in efficienza. La serietà di un armatore o di una compagnia armatrice di barche per il charter si misura dallo stato di manutenzione della barca, mezzo comunque soggetto alla salsedine e di conseguenza a corrosioni e usura. Le barche il mare se le mangia!! E proseguendo con gli antichi proverbi marinareschi: “per mare non c’è taverna”. 

La normativa del diporto nautico in merito alle dotazioni di sicurezza e ai doveri del Comandante e delle compagnie di charter non ammette deroghe e trascuratezza; le responsabilità sono ben codificate. La riuscita di una crociera come “vacanza spensierata” dipende anche dai dettagli: il funzionamento efficiente di tutti gli impianti ma anche la pulizia. L’ordine, a bordo, è sicurezza; la conoscenza dell’ubicazione degli estintori e del loro utilizzo è opportuna ad esempio, come anche riporre gli oggetti, come una torcia, al proprio posto per poterle ritrovare in caso di necessità. Questi accorgimenti vengono “etichettati” nell’ambiente nautico come “familiarizzazione ” della barca.

Tutto quello che circonda lo stare in barca e il vivere una crociera educa ad uno spirito di squadra nell’equipaggio, che deve essere affiatato in manovra nei porti o in caso di improvviso maltempo; i turni di corvée cucina e di pulizie, ad esempio, sono una buona abitudine a bordo.

Ogni barca da crociera charter ha bisogno del suo “tender”, che sarà il mezzo per scoprire gli anfratti costieri più nascosti, per raggiungere le spiagge più belle o anche per scendere in paese a far la spesa e a cenare al ristorante. Va saputo usare con perizia per evitare che si ingolfi il motore o che il gommone sbatta sulle rocce.

Il wc va usato anch’esso con perizia e un bravo skipper consiglierà il suo utilizzo corretto. L’utilizzo dell’acqua dolce per docce e lavaggio stoviglie è un altro aspetto molto importante da gestire con buon senso, come anche ricordare la chiusura degli oblò in navigazione. L’acqua salata quando entra in cabina trattiene umidità e peggiora drasticamente lo “standard” qualitativo della vacanza.

Vi ho spaventato? può essere, ma certi accorgimenti, se seguiti,  prevengono disagi e segnano i confini tra la “vacanza dei sogni” e il peggior “incubo fantozziano”. I pescatori di mestiere sostengono che “o’ mare è ostile”, ma il marinaio professionista è spesso costretto a lavorare in ogni stagione e in ogni situazione, di giorno come di notte, col sole e con la pioggia. In estate il Mediterraneo è spesso un placido lago con tramonti mozzafiato, spiagge paradisiache e fondali turchesi. Peraltro è anche molto  piacevole sostare in un porto sicuro in caso di maltempo, esplorando l’entroterra alla scoperta di storia, tradizioni e prodotti locali,     o anche oziare a bordo sorseggiando un buon vino, giocando a carte con gli amici sul tavolo della dinette. Ho visto gente semplicemente felice di terminare un libro letto con passione tutto d’un fiato.

LASCIATI ISPIRARE

La scuola naviga verso il futuro

La scuola naviga verso il futuro

Ambiente, legalità e mondo del lavoro: Ministero dell’Istruzione e Guardia Costiera firmano un Protocollo d’intesa per valorizzare tra i giovani la cultura del mare Il mare è una risorsa di inestimabile valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico. Un...

Procida Ischia e Capri

Procida Ischia e Capri

Tutta L'area occidentale del Golfo di Napoli é appoggiata sulla "caldera" del supervulcano dei Campi Flegrei. In particolare Ischia e Procida rappresentano le varie bocche effusive di un sistema vulcanico unico e molto vasto. Procida è una base di partenza con il suo...

Lagoon 55: il catamarano che promette vacanza

E’ stato varato a Bordeaux, in Francia, il nuovo catamarano Lagoon 55. Il nuovo nato del cantiere navale Lagoon porta la sigla 55, e avrà catturato certamente l’attenzione degli appassionati del brande francese, leader indiscusso a livello mondiale nella produzione...

Leros

Leros

di Checco Tornielli - Alba del secondo giorno, si parte per NW, verso Kalimnoos e Leros, vento poco ma in faccia...randa e motore a risalire il più possibile prima che il Meltemi aumenti, come fa di solito nel pomeriggio. In ogni modo, costeggiando Kalimnos e poi...

“La vera pace di Dio comincia in qualunque luogo che sia mille miglia distante dalla terra più vicina”

ITINERARI CONSIGLIATI

Spagna
Baleari

Italia
Eolie

Grecia
Cicladi

Italia
Ponziane

Francia
Corsica

Italia
Sardegna

VIVILA COME VUOI. VIVILA CON NOI.